A g r i C u l t u r a

Leonardo Laureti – Agronomist & Farmer

Atti delegati della PAC 2014-2020

del Prof. Angelo Frascarelli

Il processo decisionale della nuova Pac 2014-2020 prosegue a ritmi serrati.

Il 17 dicembre 2013 sono stati approvati i regolamenti di base. L’11 marzo 2014 la Commissione ha adottato gli atti delegati, che ora attendono il parere del Consiglio e del Parlamento europeo. Entro il 1° agosto 2014, l’Italia dovrà adottare le numerose scelte di attuazione della Pac a livello nazionale (v. tabella).

Gli atti delegati

Il passaggio decisionale più recente è stata l’adozione della prima serie di atti delegati relativi alla riforma della Pac, adottati dalla Commissione europea l’11 marzo 2014, a completamento dei quattro regolamenti di base.

Gli atti delegati sono dieci regolamenti della Commissione che stabiliscono regole applicative molto importanti; ad esempio stabiliscono l’assegnazione dei titoli nei casi di successione, fusioni, scissioni; la fissazione dei titoli in caso di vendita o affitto dell’azienda; la clausola del “guadagno insperato”; l’equivalenza del greening; le condizioni per l’aiuto accoppiato.

Illustriamo in questo articolo alcune novità importanti.

Successioni, fusioni, scissioni

Il Reg. 1307/2013 prevede che l’assegnazione agli agricoltori dei nuovi titoli avverrà nel 2015.

Il numero dei titoli assegnati a ogni agricoltore nel 2015 è pari al numero di ettari ammissibili dichiarati nella Domanda Unica per il 2015.

I requisiti per l’assegnazione dei nuovi titoli sono tre:

1) essere agricoltore attivo;

2) presentare una domanda di assegnazione di titoli entro il 15 maggio 2015;

3) aver presentato una domanda di aiuto per il 2013.

L’atto delegato stabilisce che, in caso di successione effettiva o anticipata o di successione anticipata revocabile, fusione o scissione di un’azienda, il numero e il valore dei titoli all’aiuto da ricevere siano fissati alle stesse condizioni previste per l’agricoltore che gestiva l’azienda in origine.

L’agricoltore, che ha ricevuto l’azienda o parte dell’azienda per via ereditaria (successione mortis causa o successione anticipata), è ammesso agli stessi diritti dell’agricoltore che gestiva l’azienda in origine. In altre parole, l’erede può ricevere i titoli che spettano al genitore.

Analogamente in caso di altri eventi modificativi, ad esempio nel caso in cui un agricoltore abbia modificato il suo stato giuridico entro la data della fissazione.

In caso di modifica dello stato giuridico o della denominazione, l’agricoltore con la nuova natura giuridica è ammesso agli stessi diritti dell’agricoltore che gestiva l’azienda in origine.

Nel caso di fusioni di aziende, l’agricoltore che gestisce la nuova azienda è ammesso agli stessi diritti degli agricoltori che le gestivano in origine.

Nel caso di scissioni di aziende, gli agricoltori che gestiscono le nuove aziende sono ammessi, proporzionalmente, agli stessi diritti dell’agricoltore che la gestiva in origine.

Nei casi suddetti, la nuova azienda acquisisce tutti i diritti dell’azienda in origine, sia il valore dei titoli che il “requisito del 2013”.

Assegnazione di titoli in caso di vendita o affitto

Il Reg. 1307/2013 prevede che i titoli si assegnano nel 2015 e il valore dei titoli viene fissato nel 2015, ma sulla base agli importi del 2014.

In altre parole, gli importi della Pac del 2014 costituiscono il “montepremi” per determinare il valore dei titoli nel 2015 e negli anni successivi fino al 2020, tenendo conto della convergenza.

Cosa succede nel 2015 se l’azienda è stata venduta o affittata?

Gli atti delegati chiariscono questi aspetti, che sono particolarmente importanti per evitare incertezze sulle compravendite e sugli affitti nel prossimo anno, soprattutto dal 16 maggio 2014 al 15 maggio 2015.

Clausola relativa ai contratti privati di vendita

In caso di vendita dell’azienda o di parte di essa, per i contratti di compravendita stipulati prima del 15 maggio 2015, lo Stato membro può trasferire insieme all’azienda i corrispondenti diritti a ricevere i titoli da assegnare. Questa volontà deve essere prevista nel contratto di compravendita.

In altre parole, l’acquirente dell’azienda agricola acquisisce tutti i diritti dell’azienda acquistata, sia il valore dei titoli che il “requisito del 2013” (art. 24, par. 8, Reg. 1307/2013).

Con la Domanda Pac del 15 maggio 2015, i titoli vengono assegnati al venditore e direttamente trasferiti al compratore che beneficerà dei pagamenti che il venditore ha ricevuto nel 2014 o del valore dei diritti all’aiuto che il venditore possedeva al 2014.

Il trasferimento richiede la qualifica di agricoltore attivo per entrambe le parti.

Clausola sui contratti privati di affitto

In caso di affitto dell’azienda o parte di essa, per i contratti di affitto stipulati prima del 15 maggio 2015, lo Stato membro può trasferire insieme all’azienda i corrispondenti diritti a ricevere i titoli da assegnare.

In altre parole, l’affittuario dell’azienda agricola acquisisce tutti i diritti dell’azienda acquistata, sia il valore dei titoli che il “requisito del 2013” (art. 24, par. 8, Reg. 1307/2013).

In questo caso, trattandosi di un affitto, la procedura per l’assegnazione dei titoli è un po’ più complessa:

– con la Domanda Pac del 15 maggio 2015, i titoli all’aiuto vengono assegnati al locatore (proprietario);

– gli stessi titoli vengono immediatamente direttamente trasferiti all’affittuario che beneficerà dei pagamenti che il locatore (proprietario) ha ricevuto nel 2014 o del valore dei diritti all’aiuto che il locatore possedeva al 2014;

– al termine del contratto di affitto, i titoli ritornano al locatore (proprietario).

Anche in questo caso entrambi i soggetti devono avere la qualifica di agricoltore attivo.

Il “montepremi” 2014

Il valore dei titoli viene fissato nel 2015, ma sulla base degli importi o “montepremi” del 2014.

Gli importi del 2014 possono essere calcolati, a discrezione dello Stato membro, in due modi:

1) in base ai pagamenti percepiti dall’agricoltore nel 2014;

2) in base al valore dei titoli detenuti dall’agricoltore al 15.05.2014, compresi i titoli speciali.

Nel primo caso, i pagamenti percepiti possono tener conto anche dei pagamenti dell’Art. 68, ma solo in alcuni casi. Se il settore interessato dall’Art. 68 avrà il sostegno accoppiato nella nuova Pac (come potrebbe essere il caso della carne bovina), i pagamenti percepiti non tengono conto dell’Art. 68. Viceversa, se il settore interessato dall’Art. 68 non avrà il sostegno accoppiato nella nuova Pac (come nel caso del tabacco e delle patate), i pagamenti percepiti tengono conto dell’Art. 68.

In tutti i casi, i pagamenti percepiti dall’Art. 68 non tengono conto dei contributi percepiti dagli agricoltori per le assicurazioni agevolate.

Nel secondo caso (valore dei titoli detenuti), un agricoltore è considerato detentore dei titoli al 15.05.2014 se i titoli sono assegnati o trasferiti definitivamente.

Gli atti delegati chiariscono che i titoli detenuti da un agricoltore comprendono anche i titoli che sono ceduti in affitto dall’agricoltore a un altro agricoltore al 15 maggio 2014. Quindi, se l’Italia scegliesse il metodo dei “titoli detenuti”, tali titoli sono imputati al proprietario anziché all’affittuario.

Pagamenti percepiti titoli detenuti

La scelta italiana tra “pagamenti percepiti” e “titoli detenuti” è molto importante e interessa tanti agricoltori che hanno preso titoli in affitto e tanti proprietari che hanno ceduto titoli in affitto.

L’ipotesi più accreditata tra i decisori e gli stakeholders (Ministero, Regioni, Organizzazioni professionali) è quella dei pagamenti percepiti, per due ragioni:

– per l’interesse a favorire l’impresa che coltiva (affittuario), piuttosto che il proprietario;

– per poter consentire ai settori che non beneficeranno dell’Art. 68 (tabacco e patate) di poter sommare tale importo nel “montepremi” del 2014 e poterlo “trascinare” fino al 2020.

L’incertezza su questa decisione nazionale sta creando molte difficoltà al mondo agricolo con l’approssimarsi della scadenza della Domanda Unica che scade il 15 maggio 2014. Analogamente per la definizione di agricoltore attivo.

Le scelte nazionali dovranno essere adottate dalla Conferenza Stato-Regioni entro il 1° agosto 2014, ma è auspicabile che tali decisioni siano adottate in anticipo, possibilmente entro aprile 2014

 

Annunci

8 commenti su “Atti delegati della PAC 2014-2020

  1. ANTONIO
    08/04/2014

    buon pomeriggio… la mia domanda è la seguente … supponiamo di avere per esempio 5 ettari di terreno dal 2015 avrò 5 titoli per un valore che ancora è da definire. se poi nel 2016 prendo in fitto altri 5 ettari con relativo contratto di fitto registrato… posso chiedere l’ aumento dei titoli per i secondi 5 ettari presi nel 2016 e se si dove ? alla riserva ??

    • LeonardoLaureti
      09/04/2014

      O alla riserva se sussistono le condizioni o sul mercato dei titoli (qualcuno che vende titoli). Saluti

      • Antonio
        10/04/2014

        okcapito grazie1000… come sempre gentilissimooo.

      • ANTONIO
        18/04/2014

        Sig. Leonardo buon giorno …. questa volta Le scrivo per farle gli auguri per la Santa Pasqua ed una rilassante pasquetta…..

      • LeonardoLaureti
        18/04/2014

        Grazie Antonio, ricambio volentieri.

  2. PAOLO
    21/04/2014

    Un quesito sull’argomento:
    sono proprietario non coltivatore.
    Ho affittato 20 ettari di risaia+relative quote PAC a coltivatore diretto.
    Il contratto scade il 10/11/2014.
    Dopo tale data affitterò nuovamente il fondo ad altro coltivatore.
    Posso affittare anche le quote PAC annesse o queste rimangono in godimento al vecchio coltivatore?
    Grazie

    • LeonardoLaureti
      21/04/2014

      Caro Paolo,
      le quote del 2014 andranno oramai a vantaggio del vecchio proprietario. Nel 2015 con la nuova assegnazione dei titoli, i tuoi titoli andranno persi e verranno assegnati i nuovi, al nuovo coltivatore del fondo. Saluti

      • PAOLO
        22/04/2014

        Ma il precedente affittuario (che conduce tuttora il fondo fino al 10/11/2014) avrà diritto a percepire le quote in oggetto anche per i prossimi anni?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 04/04/2014 da in Politica agricola con tag , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: