A g r i C u l t u r a

Leonardo Laureti – Agronomist & Farmer

Come incrementare la resa del frumento

Incremento della resa del frumento

I due principali fattori che incidono sulla resa del frumento sono il numero di cariossidi per metro quadrato e il peso della singola cariosside. Tuttavia sono fattori importanti anche il numero di foglie e germogli, la sanità dell’apparato fogliare, il numero di cariossidi per spiga, il numero di spighe e la grandezza delle cariossidi. Per massimizzare e gestire al meglio questi fattori è essenziale adottare un programma di nutrizione ben bilanciato che includa tutti i macro e micronutrienti.

Nutrizione delle colture e resa del frumento

Assorbimento di macronutrienti del frumento invernale

Nutrient Uptake in Wheat

Azoto e Potassio sono i nutrienti necessari in quantità maggiore per ottenere rese di frumento elevate. La necessità di Fosforo, invece, è simile a quella dello Zolfo.
Durante la crescita primaverile si manifesta la domanda contemporanea di tutti i macronutrienti.

Macronutritient Uptake

Assorbimento di micronutrienti del frumento invernale

Una strategia di nutrizione equilibrata è essenziale e deve anche comprendere elementi secondari e micronutrienti, indispensabili per ottenere rese elevate.

Micronutritient Uptake in Winter Months

Incremento del numero di culmi e foglie

Il numero di foglie influenza la dimensione dell’apparato fogliare e il numero di culmi influenza il numero di spighe al momento del raccolto. I più importanti macronutrienti per i primi culmi, la crescita delle foglie e la sopravvivenza dei culmi stessi sono l’Azoto, il Fosforo e lo Zolfo. Tra i micronutrienti, il Manganese e lo Zinco sono i più importanti.

Nutrizione delle colture, apparato fogliare e culmi nel frumento

Azoto

L’Azoto è l’elemento nutritivo più importante per conseguire rese elevate. Un apporto adeguato darà vita a foglie grandi e più culmi, con ogni foglia che cresce più rapidamente. L’insufficienza d’Azoto, invece, diminuisce il numero di potenziali spighette.

Effect of nitrogen

La sopravvivenza di germogli/polloni che vengono prodotti può essere influenzata dalle interazioni tra i livelli e la tempistica di applicazione dell’Azoto.

The Effect of the First

Laddove il numero dei germogli è inferiore al valore ottimale, le applicazioni di Azoto in quantità maggiori nella prima parte della stagione (Zadoks 25 – 30) aumenteranno i germogli e quindi il numero finale sulla spiga.

Tuttavia questo potrebbe condurre a un’eccessiva crescita delle foglie e dei germogli, nonché all’indebolimento degli steli. Applicazioni di livello inferiore agli inizi dovrebbero essere usate dove il target è dato dal numero dei germogli.

Effect of Early Nitrogen

Laddove venga coltivato il frumento primaverile, il tempo per la produzione di foglie e germogli è molto limitato, quindi i primi apporti e livelli elevati di Azoto sono critici per raggiungere il tasso di crescita iniziale e il numero di germogli necessari.

Tutti questi fattori contribuiscono a incrementare la resa che è osservata dall’applicazione di Azoto nel grano.

Winter Wheat Nitrogen Response Trials

L’influenza dell’Azoto sulla resa si vede chiaramente in questa curva di risposta dell’Azoto con l’applicazione di Azoto che quasi raddoppia la resa della coltura. La risposta all’Azoto applicato si stabilizza e, infine, diminuisce una volta apportati livelli elevati, a causa dell’eccessiva crescita delle foglie e dell’indebolimento della coltura. La quantità ottimale di Azoto (N opt) è il livello al quale viene raggiunto il miglior vantaggio economico.

Fosforo

Influence Of Soil Ph

Il Fosforo è considerato il secondo nutriente più importante dopo l’Azoto in termini di influenza sulla crescita e sullo sviluppo della pianta. Una volta che la coltura ha sviluppato due o tre foglie, inizierà a fare affidamento sul Fosforo disponibile nel suolo per far proseguire la crescita di foglie e germogli. La disponibilità di Fosforo nel suolo è influenzata da molti fattori, tra cui il pH, altri nutrienti quali Alluminio, Ferro e Calcio, umidità del suolo e temperatura.

Phosphate Uptake in Winter Wheat

È quindi importante aomministrare Fosforo prontamente disponibile per scongiurare una crescita prematura e limitata dei germogli. Nel frumento invernale ci sono due momenti importanti da considerare. In primo luogo durante il primo insediamento della coltura (Zadoks GS 13-25) quando questa è in rapida crescita con germogli e radici in fase di sviluppo, e in secondo luogo non appena inizia la crescita in primavera (Zadoks GS 25-30). Nel periodo da marzo a maggio verrà assorbito il 70% del Fosforo, sarà dunque importante pensare le applicazioni di fertilizzante in modo da soddisfare questa domanda.

Yield advantage

Le applicazioni di Fosforo in primavera hanno dato aumenti di resa.

Le applicazioni di Fosforo fogliare possono essere incluse nel programma nutrizionale a base di Fosforo della coltura, ancora una volta per migliorare la presenza di Fosforo nella coltura qualora la disponibilità nel terreno sia limitata. Ciò migliorerà la crescita e lo sviluppo in autunno e all’inizio della primavera.

Zolfo

Effect of Applying Sulphur

La nutrizione a base di Zolfo è un altro importante aspetto. L’elemento è infatti necessario per la pianta al fine di garantire una crescita continua dei germogli in fase di sviluppo. Infatti li elementi costitutivi della crescita delle piante sono gli aminoacidi a base di Zolfo sviluppati da molte proteine vegetali.
Lo Zolfo è scarsamente traslocato intorno alla pianta e la crescita è la prima a risentirne. Per ovviare a questo problema, un apporto continuo con applicazioni multiple di Zolfo deve essere garantito per soddisfare la domanda nel periodo di picco. Anche lo Zolfo fogliare può essere incluso per colmare le carenze momentanee.

Nutrient uptake

Manganese e Zinco

Il Manganese e lo Zinco sono due importanti micronutrienti che influiscono sullo sviluppo di componenti della resa, come ad esempio l’incremento di numero di spighe e la dimensione delle cariossidi, con conseguente aumento della resa finale.

Il Manganese e lo Zinco sono stati inoltre associati alla maggior efficacia nell’assorbimento di altre sostanze nutritive, sia micro che macronutrienti.

Altre pratiche di gestione che possono influire sulla resa

Il numero di germogli che si sviluppano saranno influenzati da quanto segue:

  • Scelta della varietà/tipo di frumento – le varietà sono diverse in base al numero di culmi e alla velocità con cui si sviluppano.
  • Data della semina – influenza numero di polloni/pianta.
  • Portata della semina – semine intensive risultano in un numero minore di culmi/pianta, dunque un minor accestimento.
  • Condizioni del suolo/letto di semina – letti di semina poveri e compattazione rallentano lo sviluppo iniziale delle piantine.
  • Stato dei nutrienti al suolo – la buona fertilità ha aumentato il numero di piantine che germoglia.

In generale, considerando una semina né eccessiva né ridotta, prima questa avviene e superiore sarà il numero di culmi della singola pianta, con il numero finale di germogli in funzione del numero di culmi che sopravvivono durante la produzione di spighe. Il numero e la sopravvivenza dei culmi possono essere influenzati dai seguenti fattori:

  • Le condizioni meteorologiche in autunno e inverno (per il frumento invernale) – il freddo rallenta lo sviluppo iniziale di foglie e culmi.
  • L’applicazione di regolatori di crescita per le piante – i regolatori di crescita delle piante possono essere utilizzati per ridurre la dominanza apicale, contribuendo al numero e alla sopravvivenza dei culmi.
  • Le applicazioni di azoto – le applicazioni di azoto contribuiscono all’aumento della dimensione delle foglie, del numero di polloni e della loro sopravvivenza.

Conservazione dell’apparato fogliare verde del frumento

Una volta creatasi un’adeguata copertura fogliare, è importante che questa si conservi fino al periodo finale di riempimento delle cariossidi, in modo da intercettare quanta più luce incidente possibile e convertendola in energia.

Nutrizione del frumento e copertura fogliare

Leaf Chlorophyll 1
Leaf Chlorophyll 2

L’azoto, il Potassio e il Magnesio sono di particolare importanza per il mantenimento di una copertura fogliare verde. La clorofilla è una proteina ricca di Azoto e Magnesio che conferisce alla pianta il caratteristico colore verde ed è essenziale per la fotosintesi clorofilliana. Il rapporto tra il contenuto di clorofilla nelle foglie e contenuto di Azoto è direttamente proporzionale.

Effect of Sulphur and Magnesium

Il Magnesio è l’elemento centrale della clorofilla legato a quattro molecole di Azoto. Anche il livello di Magnesio è importante per mantenere verde la copertura fogliare.

Così come il verde della copertura, è anche importante assicurare che la struttura e l’architettura vengano mantenute, per rendere la coltura più efficiente nel catturare la luce e convertirla in resa.

Il Potassio svolge un ruolo molto importante nel mantenimento della turgidità cellulare e della resistenza, nonché per la circolazione dei nutrienti nella pianta.

Apporti inadeguati di Potassio possono portare a un indebolimento prematuro, anche della copertura fogliare. La paglia carente di Potassio è più fragile, aumentando il rischio di indebolimento che riduce drasticamente sia la resa che la qualità. Il fabbisogno di Potassio è superiore a qualsiasi altro nutriente, con la maggior parte assorbita in primavera. Tra l’inizio e la fine della nascita dei polloni, il frumento assumerà in media circa 7,7 kg K20 / giorno. Le applicazioni devono essere mirate per soddisfare questo fabbisogno.

Aumento del numero di cariossidi per spiga

Il numero di cariossidi è funzione del numero di spighe fertili. L’agricoltore che vuole ottenere una buona resa deve non può non tenere in considerazione le sostanze nutritive che possono influenzare il numero di cariossidi per spiga.

Nutrizione e numero di cariossidi per spiga

Azoto

Mean Effects of low Nitrogen

L’Azoto influenzerà il numero di cariossidi nate sulle singole spighe. Una coltura di frumento a resa elevata presenterà circa 45-50 cariossidi/spiga; tuttavia, se l’apporto di Azoto è limitato, questo numero sarà inferiore.

Non è da sottovalutare la tempistica di distribuzione dell’Azoto, poiché il numero di cariossidi si determina in particolar modo nel periodo che precede l’iniziazione fiorale.

Potassio

Effect of Potassium

Il Potassio influisce sul numero di cariossidi per spiga.

Questo studio dell’ente per lo sviluppo del Potassio mostra un chiaro rapporto tra l’apporto di Potassio e il numero di cariossidi per spiga, con la carenza di Potassio che impedisce la nascita e lo sviluppo delle stesse.

Manganese, Zinco, Rame e Boro

Effect of Mn and Zn
Effect of Copper Winter
Effect of Copper Spring
Effect of Boron

Altre pratiche agronomiche che possono influire sul numero di cariossidi

Il numero potenziale di cariossidi per spiga varia da stagione a stagione ed è influenzato da una serie di fattori, tra cui:

  • la scelta della varietà;
  • il controllo delle malattie durante la fioritura;
  • le condizioni climatiche durante la fioritura ;
  • la temperatura e la lunghezza del giorno prima della spighetta terminale (scala Zadoks GS 30).

Incremento del peso e delle dimensioni delle cariossidi

Le dimensioni delle cariossidi sono determinate dalla varietà e dunque dal patrimonio genetico della pianta, oltre che dalla dalla lunghezza del periodo di riempimento delle stesse. Non appena si è verificata l’impollinazione, embrione ed endosperma iniziano a svilupparsi con la pianta che reindirizza i fotosintati, l’amido e le proteine immagazzinati in precedenza (in foglie e steli) verso le cariossidi in fase di crescita. Più è lungo il periodo di riempimento delle cariossidi, maggiori saranno le dimensioni delle stesse. Oltre alla gestione dei nutrienti, la dimensione delle cariossidi può essere influenzata dalla gestione dell’acqua (l’irrigazione, per evitare lo stress da siccità), nonché dalla gestione delle malattie, mantenendo le foglie verdi e riducendo l’incidenza delle malattie, rendendo la pianta più sana.

Nutrizione delle colture e dimensioni e peso delle cariossidi

Azoto

Mean Effects of High and Low Nitrogen

La gestione dell’Azoto eserciterà una grande influenza sul peso e sulle dimensioni finali delle cariossidi. Le applicazioni eseguite nella fase iniziale garantiranno un apparato fogliare ben esteso, più livelli elevati di carboidrati nello stelo che viene trasferito alle cariossidi durante la maturazione. Ciò è particolarmente importante in zone soggette a siccità dove il 60% della resa del frumento potrebbe provenire dai carboidrati immagazzinati. È importante monitorare i livelli di Azoto nella pianta accertandosi che l’apparato fogliare non vada incontro a senescenza prematura e riduca il periodo di riempimento delle cariossidi.

Fosforo

Il Fosforo ha un ruolo importante nell’apporto di energia per i processi delle piante. La ridistribuzione dei carboidrati immagazzinati richiede energia, il che rende la nutrizione a base di Fosforo importante per ottenere una buona dimensione finale delle cariossidi.

Sia i fertilizzanti solidi che quelli a base di Fosforo fogliare possono essere utilizzati per migliorare le dimensioni finali delle cariossidi.

Potassio

Il Potassio favorisce lo spostamento dei nutrienti nella pianta, in quanto regola la traspirazione. Il Potassio contribuisce inoltre ad evitare la senescenza prematura, spesso dovuta alla siccità durante il periodo di riempimento delle cariossidi. Piante carenti di Potassio non sono in grado di regolare la traspirazione attraverso le foglie, causando stress da calore e avvizzimento. Adeguati apporti di Potassio allungheranno il periodo di riempimento delle cariossidi, con conseguente miglioramento del peso delle stesse.

Effect of Potassium Supply on Length of Grain Filling Period
Effect of Potassium Supply on 1000 Grain Weight

Manganese e Zinco

Effect of Mn and Zn fertilization on the 1000 Grain Weight of Wheat

Sia il Manganese che lo Zinco, con il loro ruolo nel metabolismo dell’Azoto da parte della pianta, influiranno notevolmente sul peso delle cariossidi.

Fonte: YARA

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 27/12/2015 da in Politica agricola con tag , , .

RSS Agricoltura UE

  • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.

RSS Sviluppo Rurale

  • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: